PREMESSA

 

Instillare il piacere della lettura è un compito arduo ma, se al lavoro didattico svolto a scuola si affianca un percorso parallelo di tipo ludico-didattico, si potrà crescere lettori critici e consapevoli.

 

A CHI SI RIVOLGE IL LABORATORIO

 

Ø  A tutti coloro che amano leggere e a quelli che non hanno ancora imparato ad amare la lettura

 

Ø  A chi legge speditamente e a chi è tentennante

 

Ø  A chi ha difficoltà ad esprimersi ed esporsi in un gruppo

 

Ø  A chi vive una situazione di disagio data dallo svantaggio linguistico e culturale, dalla presenza di DSA o BES, …

 

Ø  A chi cerca nuovi amici insieme ai quali imparare e divertirsi.

 

 

 

UN’ATTIVITA’ MIRATA AD INTEGRARE E INCLUDERE

 

Leggere in gruppo è un’attività intima e aggregante. Il gruppo di lavoro diventa da subito affiatato e coeso in un’atmosfera rilassata e mai giudicante. I lettori non sono tutti allo stesso livello, c’è chi supera barriere linguistiche, chi ha difficoltà nella letto scrittura, chi ancora ha bisogno di piani educativi specifici. Ecco che il testo si piega per arrivare a tutti i lettori. I libri si potranno leggere o in formato cartaceo o digitalizzati su tablet, permettendo ai bambini di focalizzare meglio la riga e allargare il font fino a renderlo nitido.

 

Ognuno capirà, sotto la guida presente ma non invasiva dell’insegnante, quale sia l’iter più giusto.

 

Quando si legge in gruppo, si rispettano i tempi di ciascun partecipante e si prosegue appaiati, nessuno viene lasciato indietro perché la lettura è un piacere che non ha barriere.

 

OBIETTIVO

 

v  Creare un gruppo di lavoro forte e ben strutturato in cui supportarsi a vicenda, imparando dall’altro e aiutandosi, al fine di essere incentivanti e positivi, nutrendo così l’autostima del bambino.

 

v  Sviluppare empatia verso i compagni e i personaggi del testo. Si dice spesso che la lettura sia nutrimento e lo è…Ci spiega il nostro mondo interiore, ci mostra vicende distanti da noi ma alle quali legarci e dalle quali farci trasformare.

 

v  Migliorare la componente morfo sintattica: leggendo assiduamente e facendo comprensione del testo al bambino viene permesso di immagazzinare una corretta sintassi.

 

v  Irrobustire la componente narrativa: ai bambini in una sana discussione critica verrà chiesto di esporre il loro punto di vista sul testo, il lettore verrà accompagnato a ripercorrere la trama, attivando così la capacità mnemonica.

 

v  Integrare e ampliare il patrimonio lessicale attraverso la “scatola delle parole”: Ogni testo contiene parole nuove: i bambini le riuniranno in una scatola dalla quale pescare di volta in volta un termine nuovo da approfondire, contestualizzandolo.

 

v  L’intenzione comunicativa

 

v  Focalizzare le informazione principali di un testo, frazionando il contenuto per assimilarlo meglio.

 

v  Potenziare l’ascolto

 

v  Creare una routine che permetta al bambino di sapere cosa accadrà, rassicurandolo e tranquillizzandolo.

 

 

 

STRUTTURA DEL LABORATORIO

 

Il percorso si snoda attraverso due filoni: da un lato il dialogo frontale tra libro e lettore, dall'altro il dialogo condiviso attraverso la lettura a voce alta. Se, nel primo approccio, si valorizza, attraverso la lettura silenziosa, una certa messa a fuoco del concetto, nel secondo, ovvero nella lettura che si apre verso gli altri, si sviluppano la socializzazione, la reciproca correzione, l'interpretazione, l'intonazione. In cerchio, i giovani lettori sono chiamati a guadarsi ed ascoltarsi tra di loro, dando importanza al principale mezzo di comunicazione... la voce.

 

In una società come la nostra in cui la comunicazione è fondamentale, leggere a voce alta e condividere questa esperienza lasciando che le parole si depositino in noi, dando voce alle nostre emozioni e facendoci fare esperienza attraverso quella dei protagonisti, ci permette di imparare ad esprimere i nostri concetti in maniera corretta e coerente.

 

 

 

ARTICOLAZIONE DEL PERCORSO

 

Primo passo: mostrare il percorso.

 

E’ bene che i bambini arrivino autonomamente alla lettura, trovando lo stimolo e il desiderio di leggere in gruppo, superando paure e timidezze. Ecco perché nei primi incontri i bambini saranno spettatori di una *Lettura animata fatta dall’insegnante, che  mostrerà loro quanto un testo ben letto può apparire entusiasmante, divertente e avvincente. I bambini potranno godere del testo attraverso una lettura frontale che mostrerà loro le sfumature dell’intonazione, la teatralità dell'uso delle pause e della mimica.

 

 

 

*Il termine lettura animata viene descritto nel testo “7 strategie didattiche per l'animazione alla lettura” di Montserrat Sarto “un'azione cosciente realizzata per produrre l'avvicinamento affettivo e intellettuale ad un libro”. Lo scopo è quello di appassionare alla lettura dapprima stimolando comprensione e riflessione, successivamente un atteggiamento critico e interpretativo.

 

Secondo passo: il dibattito

 

Passiamo alla riflessione sul testo e alla capacità critica. Attraverso un apparato ludico didattico fatto di domande, cartoncini contenenti dettagli su alcuni personaggi, fatti riferiti al testo disposti alla rinfusa e da riordinare in ordine cronologico e altro ancora, si creerà un momento di dibattito. Durante questo spazio tutte le voci saranno ascoltate e ogni partecipante sarà spronato ad interrogarsi sui sentimenti dei personaggi, sulle sue azioni, sulla concatenazione degli eventi, sull'intero schema narrativo.

 

Terzo passo: la lettura

 

Dopo i primi due passi, il terzo è quello fondamentale per rendere ogni bambino autonomo e consapevole. Ciò significa leggere con scioltezza, rispettare le pause, interpretare il testo soprattutto durante il discorso diretto. Il bambino diventa protagonista di una vera e propria drammatizzazione. Interpreta un personaggio interiorizzando e approfondendo il testo. Questo meccanismo, se da un lato  gli permette di uscire da sé e superare inibizioni e vergogne, dall’altro gli consente di portare alla luce il proprio modo di sentire, colorando il personaggio di tinte del proprio carattere. Assistiamo ad una rivoluzione: il personaggio lascia il testo per trasformarsi in qualcosa di nuovo e personale.

 

Quarto passo: un lavoretto creativo a tema

 

Ancoriamo il testo a qualcosa creato dai bambini con le loro mani. Un manufatto che ricordi la lettura e che sia prova tangibile dei testi affrontati. Tra carta, feltro, gomma Eva, nastri, pennarelli e tempere, i bambini si distendono e ripensano alla lettura in modo diverso, si apre un momento completamente nuovo in cui la concentrazione e l’attenzione vengono accantonati per lasciare spazio alla libertà di espressione, al movimento, alle chiacchiere in allegria.

 

La volontà è quella di legare saldamente la lettura ad un momento piacevole, gratificante e aggregante.

 

COSA CI AUGURIAMO

 

Principalmente di creare un lettore consapevole, appassionato, critico.

 

Avvicinare anche il lettore più riluttante ad un mondo ricco, variegato e gratificante.

 

 

 

UN LIBRO NON DELUDE MAI E HA SEMPRE LA RISPOSTA GIUSTA, BASTA SAPERLA CERCARE!

 

Il bambino dovrà essere in grado di ascoltare con attenzione, incamerando da un lato le informazioni e dall'altro la capacità di interpretazione. D'altronde, un percorso di lettura è uno strumento meta didattico che consente in modo indiretto e trasversale di affrontare le discipline dell'area linguistico-espressiva. Il giovane lettore acquisirà familiarità con la lettura, verrà chiamato ad interrogarsi sui punti più interessati del testo, spiegherà, motiverà, arricchirà il proprio bagaglio sintattico e lessicale elaborando autonomamente il testo. L'insegnante alimenterà il dibattito al fine di spingere al confronto, alla condivisione, all'aiuto reciproco.

 

Il dibattito è un momento utile per la socializzazione,  permette inoltre di esprimersi in maniera coerente e pertinente. Ogni domanda, ogni spunto di osservazione, ogni scheda ogni cartoncino sottoposto ai bambini è volto a creare un momento di partecipazione in cui si trasmette il proprio punto di vista, ci si chiarisce le idee, si dà spazio alla fantasia, trovando un finale alternativo al testo, inventando un nuovo titolo per il libro, componendo una presentazione del libro in forma di videoclip o di murales.

 

UNA PICCOLA PRESENTAZIONE DEL PERSONALE DI BORDO

 

Siamo Alessia e Barbara e saremo al timone di questa nave strana, colorata e divertente. Ti vorremo bene, ti aiuteremo a capire e non ti lasceremo mai solo, con noi al timone non dovrai temere alcuna tempesta.

 

Vuoi far parte del nostro equipaggio?

 

Dott.ssa Alessia Gianforti

 

(Laureata in lettere moderne, Bibliotecaria, Insegnante elementare, Appassionata di lettura a voce alta. Da oltre 4 anni collabora con la Onlus 0-18 e con altre strutture presenti sul territorio organizzando laboratori di lettura animata e ludico didattici. Crede fermamente nel potere salvifico della lettura. Ha partecipato a corsi di aggiornamento sul tema:

 

“DSA e BES nella struttura scolastica”

 

“Didattica inclusiva nella scuola primaria”

 

“I disturbi specifici dell’apprendimento”).

 

Sig.ra Barbara Fumagalli

 

(Da oltre 10 anni collaboratrice della Onlus 0-18. Si occupa di bambini da sempre con una passione e una dedizione rari. Partecipa ad aggiornamenti e stage sui problemi dei DSA e BES).

 

 

 

 

 

BIBLIOGRAFIA

 

Il piacere di leggere e come non ucciderlo. Come imparare a leggere con i bambini / Chambers Aidan

 

1001 attività per raccontare, esplorare, giocare, creare con i libri / Philippe Brasseur

 

Che horror! Mi piace leggere! Un progetto di educazione alla lettura nella scuola elementare / Barbara Benigni

 

Imparare a leggere: Come affascinare i bambini con le parole / Bruno Bettelheim e Karen Zelan

 

Giocalibro: percorsi di lettura per la scuola materna ed elementare / Panzeri

 

Asino chi non legge: Riconoscere e gestire i disturbi specifici di apprendimento / Stefano Federici

 

Buonanotte Giraffa / D. Grossmann

 

Come un romanzo / Daniel Pennac

 

Leggimi forte. Accompagnare i bambini nel grande universo della lettura / Bruno Tognolini

 

Come si costruisce un percorso di lettura / Paola Zanoner

 

Parole animate / Emilio Vigo

 

Il lettore ostinato: libri, biblioteche, scuole, mass-media / Antonio Frabbori e Franco Faetti

 

Il piacere di leggere / Ermanno Detti

 

Gianni Rodari la gaia scienza della fantasia / Carmine Deluca

 

Voglia di leggere: 25 strategie di animazione alla lettura / Montserrat Sarto

 

7 strategie didattiche per l'animazione alla lettura / Montserrat Sarto

 

15 strategie didattiche per l'animazione alla lettura / Montserrat Sarto

 

Viva la dislessia / Conte Rocco

 

Dislessia e trattamento sublessicale / S. Banal

 

Storie di straordinaria dislessia / Grenci

 

Il bambino dimenticato / Fera

 

Il dono della dislessia / D. Davis

 

Come leggere la dislessia e i DSA / Erickson

 

La dislessia / Giacomo Stella

 

Siti consultati:

 

http://ospitiweb.indire.it/lorenzini/metodo_monserrat_sarto.htm

 

http://www.rodariparcofantasia.it/gianni-rodari/

 

http://www.corriere.it/cultura/eventi/2012/festivaletteratura/notizie/taglietti-intervista_48212e84-f8d5-11e1-8c97-b4f1e02508f5.shtml

 

LIBERI TUTTI! .... DI LEGGERE
Leggere in gruppo è un’attività intima e aggregante ...
LABORATORIO LETTURA ANIMATA 2019 2020.pd
Documento Adobe Acrobat 697.0 KB

VISITATORI ON LINE

Associazione 0 -18 ONLUS

C.F.: 91053680129

 

IBAN:

IT 63 J 02008 50240 000100823822

Uni Credit Banca

via Manzoni , 4

21013 Gallarate (VA)

 

Donazioni IlMioDono.it

IO NON CORRO SOLO 

è una sfida di beneficenza sportiva. Corri, cammina, nuota, pedala non solo per te stesso ma per chi è meno fortunato di noi, dando un senso più alto alla tua passione sportiva. [...]

CHI CORRE PER NOI

ANNO 2016
Giacomo Malpeli

ANNO 2013
Giacomo Malpeli: 1200 km

ANNO 2012
Giacomo Malpeli: 1200 km